Attività Culturali:

PASCOLI POETA ITALIANO E LATINO: GLI ESORDI A LIVORNO. NUOVE PROSPETTIVE DI INDAGINE DOPO I RECENTI ANNIVERSARI   28 aprile 2017 ore 16,30

Sezione di Storia, Lettere e Arti
 
in collaborazione con

Società Dante Alighieri - Sezione di Modena
 
Sala dei Presidenti
 
Prof.ssa Patrizia Paradisi
 
Dopo le numerose celebrazioni dei due anniversari di inizio secolo, caduti rispettivamente nel 2005 (150° della nascita) e nel 2012 (primo centenario della morte), gli studi su Giovanni Pascoli, sia sul versante biografico che su quello più propriamente letterario, del poeta italiano e latino, hanno ricevuto nuovo impulso grazie a due avvenimenti di portata fondamentale sul piano documentario. Il primo è la messa online, a partire dal 2013, di tutte le carte autografe e di tutti i documenti a vario titolo conservati nell’Archivio di Castelvecchio Pascoli (Lucca), ovvero manoscritti delle poesie e dei testi in prosa, corrispondenza inviata e ricevuta, ritagli e copie di giornali, quotidiani, riviste, fotografie, ecc. (insieme al catalogo della Biblioteca), nel Portale Giovanni Pascoli nello specchio delle sue carte, accessibile liberamente a tutti. L’altro è il rinvenimento dell’Archivio del Certamen Hoeufftianum, il premio di poesia latina che si teneva ad Amsterdam e al quale Pascoli partecipò ogni anno fra il 1891 e il 1911 (che si credeva perduto), nel Noord Hollands Archief di Haarlem, reso possibile grazie all’intuizione e alla tenacia del professor Vincenzo Fera dell’Università di Messina. In questo archivio sono stati trovati i manoscritti dei circa trenta poemetti latini inviati da Pascoli durante un ventennio, che hanno aperto un filone di studi inedito e molto interessante. Si coglie quindi l’occasione per fare il punto sullo stato attuale e sulle prospettive future degli studi pascoliani, mettendo a fuoco soprattutto lo stadio iniziale dell’affermazione del Pascoli come poeta italiano e latino (in Italia e non solo), agli inizi degli anni Novanta dell’Ottocento, quando il romagnolo insegnava latino e greco nel Liceo classico di Livorno.
Alcune poesie delle Myricae saranno interpretate dall’attore Paolo Summaria.
 
La S.V. è invitata
 
Il Presidente della Sezione
Prof.ssa Licia Beggi Miani

“Canto gregoriano e politica imperiale carolingia (parte prima)”   02 maggio 2017 ore 16,00

Corso sui BENI CULTURALI “LA BELLEZZA: TRA TARDOANTICO E MEDIOEVO”

In Collabiorazione con
Associazione CULTURA E VITA
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA


Direttore Prof. Roberta Budriesi, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

Il Corso sui Beni Culturali “La bellezza: tra tardoantico e medioevo” rientra nelle attività culturali dell’Associazione “Cultura e Vita”, dell’Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti di Modena e dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Le lezioni e le attività seminariali si svolgeranno presso la predetta Accademia e verteranno su nuove acquisizioni in àmbito nazionale e internazionale e su più aspetti del sapere per un’approfondita comprensione dell’età che va dal tardoantico al medioevo. Il Corso, tenuto e coordinato dalla Prof. Roberta Budriesi, secondo la natura fortemente innovativa instaurata negli ultimi anni accademici, si avvarrà anche della partecipazione di illustri competenze specialistiche. La Prof. Roberta Budriesi affiancherà costantemente i singoli relatori per garantire l’omogeneità del quadro fornito e sviluppare, attraverso il dibattito, approfondimenti specifici.

Martedì 2 maggio 2017, ore 16,00
“Canto gregoriano e politica imperiale carolingia (parte seconda)”

Prof. Cesarino Ruini
Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

Martedì 9 maggio 2017, ore 16,00 
Colore e tecnica
Prof. Maria Cristina Pelà
Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Martedì 16 maggio 2017, ore 16,00
“La bellezza dei monumenti di un territorio: la Liguria tra tardoantico e medioevo”
Prof. Alessandra Frondoni
Università degli Studi di Genova

Martedì 23 maggio 2017, ore 16,00
“Antichi marmi, antichi autori: la croce di via Galliera”
Prof. Roberta Budriesi
Pontificia Accademia Romana di Archeologia, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

Martedì 30 maggio 2017, ore 16,00
“La bellezza e il velo nella storia dell’Occidente”
Prof. Maria Giuseppina Muzzarelli
Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

Il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia riconosce 3 CFU agli studenti iscritti al Corso di Laurea in Lingue e Culture Europee, Corso di Laurea Magistrale in Lingue, Culture, Comunicazione, Corso di Laurea Magistrale in Lingue per la Comunicazione nell'Impresa e nelle Organizzazioni Internazionali, 2 CFU agli studenti iscritti al Corso di Laurea Magistrale in Antropologia e Storia del Mondo Contemporaneo e 2 CFU agli studenti iscritti al Corso di Laurea in Scienze della Cultura. I crediti saranno acquisiti come “crediti a scelta” o come “altre attività” nella forma di “attività strutturata”. Per ottenere i CFU, gli studenti dovranno frequentare almeno l’80% delle lezioni proposte e superare la verifica finale. La partecipazione al corso sarà certificata mediante firma di frequenza. Il Corso è gratuito e aperto a tutti.

SCARICA LA SCHEDA DI ISCRIZIONE 

Associazione Cultura e Vita,
viale Buon Pastore 126 41124 Modena
tel. 059 390249
fax 059 8672137
culturaevita@unimore.it
www.culturaevita.unimore.it

Diaboliche invasioni di campo (e di privacy): il caso della cimice Asiatica Halyomorpha halys   03 maggio 2017 ore 16,30

Sezione di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali
 
Sala dei Presidenti

Prof.ssa Lara Maistrello
Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Modena e Reggio Emilia
 
Le chiamano anche "cimici diaboliche", per il fatto di essere tra i pochissimi insetti capaci di causare danni gravissimi in agricoltura, quando d'estate invadono i campi devastando i frutteti e tante altre colture, e al tempo stesso facendo esasperare le persone per il fastidio che suscitano quando si rintanano in massa nelle case in autunno. Questo incontro ripercorre le tappe dell'invasione In Italia della cimice Asiatica, seguita anche attraverso un'indagine “citizen science”, rivela le peculiarità biologiche e comportamentali che ne favoriscono la diffusione e ne rendono difficilissimo il controllo, e fa intravedere come solo grazie agli sviluppi della ricerca su più fronti sia possibile progredire nella definizione di strategie mirate e sostenibili per rendere meno problematica la convivenza con questo insetto alieno.
 
 
La S.V. è invitata
 
Il Presidente della Sezione
Prof. Marco Sola

    Per visualizzare tutte le attività culturali (anche passate) cliccare qui.